Indirizzo Architettura e Ambiente

 

L’Architettura è la scienza e l’arte del progettare; è una disciplina sia artistica che pratica che ha, come scopo, organizzare lo spazio in cui vive l’essere umano.

 

L’Ambiente è ciò che la natura ci ha donato ed è nostro compito preservarlo.

La relazione tra Architettura e Ambiente è la ricerca dell’armonia e dell’equilibrio tra l’uso delle risorse naturali e le trasformazioni attuate con gli interventi dell’uomo sull’ambiente stesso.

 

Il percorso formativo dell’Indirizzo “Architettura e Ambiente” fa si che lo studente acquisisca le più importanti conoscenze teoriche e tecniche, le capacità tecnico-pratiche e le competenze progettuali relative alla progettazione architettonico-ambientale.

A conclusione del corso di studi lo studente saprà gestire, in maniera autonoma, i “processi progettuali” inerenti l’Architettura analizzando, di essa, gli aspetti estetici, espressivi e funzionali che gli permetteranno di procedere e lavorare, in questo processo progettuale, in tutte le sue fasi: dall’idea allo sviluppo del progetto.

 

Le discipline che caratterizzano l’Indirizzo “Architettura e Ambiente” sono:

 

- DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE

- LABORATORIO DI ARCHITETTURA

 

DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE

 

Durante il secondo biennio (3° e 4° anno) si amplierà la conoscenza dei metodi di rappresentazione del disegno tecnico orientandolo verso lo studio e la rappresentazione dell’architettura e del contesto ambientale.

Lo studente acquisirà il linguaggio grafico dell’architettura e rappresenterà opere architettoniche, esistenti o ideate su tema assegnato, attraverso l’utilizzo di tecniche tradizionali e di disegno assistito al computer (AutoCAD in sinergia con il Laboratorio di Architettura).

Nell’esercizio di analisi di un’opera o nel processo ideativo, su un tema assegnato,  lo studente verificherà i significati di modularità, simmetria, asimmetria, proporzione, riconoscendo procedure operabili sui volumi, i significati di schemi distributivi e di tipologia; imparerà a scegliere e saper utilizzare i materiali, gli elementi della costruzione, i differenti sistemi strutturali.

 

Al quinto anno lo studente sarà condotto  verso l’approfondimento e la gestione autonoma e critica delle fondamentali procedure progettuali ed operative inerenti l’architettura: l’individuazione del tema, l’organizzazione dei dati quantitativi e qualitativi, l’ipotesi, il programma di lavoro, l’elaborazione compositiva dello schema, gli schizzi preliminari, fino ai disegni definitivi e alla rappresentazione grafico-proiettiva e plastica. Si confronterà con la molteplicità degli aspetti funzionali, strutturali, formali e dovrà prestare particolare attenzione alla produzione architettonica contemporanea in relazione al contesto ambientale.

 

 

 

Indirizzo di  Arti Figurative

 

"Discipline plastiche" si inserisce all'interno del contesto didattico come sviluppo di materie grafico-visive, in senso plastico - spaziale e viceversa.

 

L’insegnamento di questa materia intende portare gli alunni a conoscenza dell’idea di "forma" e della sua genesi, alla acquisizione dei concetti di "spazio" e quindi di volume, di convessità e di concavità, della funzione della luce  e dell’ombra, della superficie, del colore e del movimento.

E ancora: alla conoscenza dei materiali e delle tecnologie, ai problemi di visualizzazione nella progettazione e alla manualità nella creazione delle forme.  Trasmettere la conoscenza degli elementi del linguaggio visivo dando maggior rilievo alle relazioni tridimensionali.

 

Le azioni che si sviluppano nel corso dell'anno assumono sempre il carattere di esperienze, di ricerche sperimentali; la creatività è contenuta entro una precisa sintassi compositiva basata sui livelli di lettura plastico-percettiva, in modo che ciascun allievo abbia una indicazione precisa di metodo.

Per le discipline Grafiche e Pittoriche durante il percorso formativo dell’indirizzo Figurativo, nelle discipline pittoriche e nelle discipline plastiche-scultoree, si amplierà la conoscenza e l’uso delle tecniche, degli strumenti e dei materiali tradizionali;

si approfondiranno le procedure e i metodi relativi alla progettazione e all’elaborazione della forma pittorica, attraverso l’analisi e la gestione dello spazio compositivo e spazio fisico.

Si arriverà alla realizzazione di opere pittoriche ideate su tema assegnato: su ogni supporto (carta, tela, tavola, etc.); a tempera, ad acrilico, ad olio; da cavalletto e murale; in questa fase sarà possibile sperimentare varie tipologie di linguaggi che comprendono anche l’illustrazione e il fumetto.

Si raggiungeranno conoscenze di base nell’uso dei mezzi audiovisivi e multimediali finalizzati a soluzioni formali, all’archiviazione dei propri elaborati, alla ricerca di fonti, all’elaborazione d’immagini e alla documentazione di passaggi tecnici, nonché anche a livello informatico con l’utilizzo di software per l’elaborazione delle immagini bidimensionali con Photoshop e tridimensionali di modellazione informatica con 3ds Max o ZBrush (previsti per il prossimo anno).

Per quanto riguarda le discipline plastico-scultoree si realizzeranno opere a rilievo, a tuttotondo o istallazioni di opere complesse.

Si approfondirà lo studio del disegno, sia come linguaggio, sia finalizzato all’elaborazione progettuale.

Si svolgeranno attività di analisi, riproduzione e rielaborazione della realtà e  di alcune opere pittoriche e plastico-scultoree  antiche, moderne e contemporanee, osservando modelli tridimensionali (modelli in gesso), bidimensionali e modelli viventi; eventualmente si potrà organizzare , come già avvenuto per il corso rilievo e catalogazione, per periodi limitati, corsi di “studio del nudo” con modelli professionisti.

Si studieranno le teorie della percezione visiva per essere poi applicate negli elaborati, utilizzando anche i sistemi fotografici, serigrafici, il collage, etc, nella pittura.

 

Nel quinto anno lo studente approfodirà e gestirà in modo autonomo e critico le fondamentali procedure progettuali e operative della pittura e della scultura, prestando particolare attenzione alla produzione contemporanea nel mondo dell’arte e agli aspetti funzionali e comunicativi della ricerca pittorica e scultorea, inoltre acquisirà piena conoscenza, padronanza attraverso la sperimentazione di tecniche e dei materiali, sia per esigenze creative, sia per finalità conservative e di restauro.

 

Indirizzo di Grafica

 

La grafica pubblicitaria rappresenta uno dei settori più interessanti del campo lavorativo, in cui conoscenze e abilità si fondono per creare progetti d’immagine.

L’indirizzo di studi mira a formare un professionista in grado di realizzare campagne pubblicitarie per ogni tipo di esigenza aziendale, attraverso la realizzazione di elaborati dove forme di comunicazione tradizionali si affiancano, in perfetta sinergia, alle nuove tecnologie.

Le attività di indirizzo sono strutturate in Discipline grafiche (progettazione) e Laboratorio grafico (esercitazioni tecnico-pratiche e digitali).

Lo studente viene seguito nell’acquisizione dei contenuti con metodologie didattiche basate sul cosiddetto Learning by doing (imparando attraverso il fare).

 

Apprenderà e saprà gestire in maniera autonoma i processi progettuali. Gli aspetti comunicativi saranno affrontati in modo funzionale alle forme estetico-espressive, affinché si arrivi a un prodotto finale efficace.

Nella fase operativa del laboratorio avviene l’approfondimento delle tecniche e delle procedure specifiche, con particolare attenzione per quelle informatiche.

Lo studente utilizzerà i software Illustrator, InDesign e QuarkXpress per la costruzione di immagini vettoriali e l’impaginazione editoriale.

Farà esperienza nel campo della fotografia con riprese fotografiche in digitale e l’utilizzo del software Photoshop per il fotoritocco.

Attraverso attività multimediali si affronteranno tematiche socialmente educative che porteranno all’esecuzione di spot per pubblicità progresso.

Il lavoro svolto dagli studenti si concretizza nella realizzazione di progetti che trovano il loro riscontro anche fuori dall’ambiente scolastico, attraverso attività interdisciplinari, collaborazioni esterne e attività di formazione in alternanza scuola-lavoro.

Il Liceo Artistico ad indirizzo Grafica pubblicitaria è fortemente legato al mondo del lavoro ed ha come obiettivo primario quello di creare figure professionali qualificate nel settore della grafica e del marketing. Il Grafico è il professionista della comunicazione visiva che opera in molti ambiti, da internet alla pubblicità, dalla editoria alla Pubblica Amministrazione. Ad esempio può disegnare il logo di una azienda, strutturare un portale web, curare l'aspetto visivo di un libro o di una rivista, ma anche realizzare la segnaletica interna di un edificio o l'interfaccia grafica di un servizio, o ancora strutturare l'immagine al pubblico di una amministrazione comunale. Questa professione prevede un uso sempre crescente di software per la digitalizzazione, il fotoritocco e l’animazione, per cui sono indispensabili una buona conoscenza dell’informatica e un costante aggiornamento professionale.

 

Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno:

conoscere gli elementi costitutivi dei codici dei linguaggi progettuali e grafici; avere  consapevolezza delle radici storiche e delle linee di sviluppo nei vari ambiti della produzione grafica e pubblicitaria;

conoscere e applicare le tecniche grafico-pittoriche e informatiche adeguate nei processi operativi; saper individuare le corrette procedure di approccio nel rapporto progetto-prodotto-contesto, nelle diverse funzioni relative alla comunicazione visiva e editoriale;

saper identificare e usare tecniche e tecnologie adeguate alla progettazione e produzione grafica; conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma grafico-visiva.

 

SEZIONI POMEZIA